Scienza e paranormale. Considerazioni serali di uno studioso annoiato.

Reading Time: 5 minutes

È da un po’ di tempo che frequento la rete. Nel 2009 mi sono iscritto a Facebook e, nel tempo, mi sono trovato a gestire diversi gruppi di carattere scientifico. Sono intervenuto con commenti più o meno pacati in diverse discussioni e mi sono sempre trovato ad affrontare persone che non avevano, e non hanno, idee chiare in merito alla scienza ed al suo impatto sulla società. Tra le varie discussioni, per lo più serali, avute in rete ne ricordo una con un utente in merito al rapporto tra scienza e paranormale. Questo utente si chiedeva :

Scienza e Paranormale: è possibile un incontro tra le due materie per un confronto costruttivo con pari dignità e rispetto o rimangono due mondi incompatibili ed agli antipodi nelle rispettive prigioni mentali?

Cerco di argomentare per chiarire cosa realmente penso del paranormale.

Da una banale ricerca in wikipedia, si trova che paranormale è “quel presunto fenomeno (detto anche anomalo) che risulta contrario alle leggi della fisica e agli assunti scientifici e che, se misurato secondo il metodo scientifico,risulta inesistente o, nel caso di fenomeno esistente, comunque spiegabile sulla base delle conoscenze attuali”. In altre parole il fenomeno paranormale è un fenomeno anomalo sul quale non è possibile, allo stato attuale, dare una spiegazione attendibile sulla base dei modelli scientifici in vigore.

I modelli scientifici sono, per loro natura, migliorabili dal momento che rappresentano solo una rappresentazione della realtà fenomenologica. Il modo più semplice per costruire questi modelli è quello di partire dal sistema semplificato, osservarne il comportamento, descriverlo matematicamente e quindi renderlo progressivamente più complicato. Se il modello ipotizzato per il sistema più semplice è robusto, allora esso sarà in grado di descrivere il comportamento (modello previsionale) del sistema via via più complesso. Nel momento in cui il sistema non può essere più descritto dal modello ipotizzato, questo non perde di validità, ma assume validità ristretta. Ovvero è valido solo per certe condizioni al contorno e non per tutte. Il cambiamento del modello per la descrizione del sistema complesso deve, necessariamente, includere quanto spiegato anche dal modello ristretto alle condizioni al contorno specifiche.

Un esempio per tutti. La legge dei gas ideali (PV=nRT) si applica solo per gas le cui particelle non interagiscono tra loro e sono puntiformi, cioè non hanno dimensione. I gas, in realtà, non solo sono costituiti da particelle che hanno un volume ma interagiscono anche tra loro. Tutti sanno (ed è intuitivo) che il moto stocastico delle particelle di un gas implica che esse si scontrino e rimbalzino in tutte le direzioni. Per tener conto sia delle interazioni tra le particelle e del fatto che il volume del gas è quello occupato dall’insieme delle particelle meno il volume delle stesse si elabora il modello di Van derWaals che tiene conto di questi due parametri. Questo modello, tuttavia, ha anch’esso validità ristretta perché, per esempio, non tiene conto della comprimibilità dei gas. Allora si elabora il modello del viriale. E potrei continuare.

l’osservazione sperimentale

Tutto quanto detto si basa su un fatto assolutamente incontrovertibile e da cui non si può prescindere: l’osservazione sperimentale. Affinché un modello possa essere validato ed essere ritenuto robusto (resistere nel tempo) è necessario fare le osservazioni sperimentali. Queste devono essere fatte secondo criteri ben precisi, ovvero il fenomeno deve essere sotto controllo ed essere riproducibile. Se questo non accade è impossibile elaborare un modello che abbia carattere predittivo generale. Dire che il fenomeno deve essere sotto controllo significa che bisogna conoscere tutti i parametri che consentono l’ottenimento del fenomeno e la sua osservazione. Per esempio, a seconda dei casi, possono essere importanti temperatura, pressione, umidità, fase del sistema etcetc etc. Alla luce dell’insieme di questi parametri si elabora un’ipotesi e si riproduce il fenomeno. Se il fenomeno non avviene nello stesso modo in cui è stato osservato in precedenza, allora vuol dire che non si sono considerate tutte le possibili condizioni al contorno. Bisogna, quindi, variare queste condizioni fino a che non si ottiene esattamente lo stesso fenomeno. A questo punto si incominciano a variare tutti i possibili parametri in modo da falsificare il modello. Questo vuol dire che si cerca di trovare in tutti i modi possibile quell’unico parametro o quella serie di parametri che rendono non vero il modello proposto. Quando questo avviene (ed è il 90% dei casi) si cambia ipotesi e si procede fino a che non si trova un modello che non si riesce a falsificare. Il punto successivo è quello di rendere pubblico il modello e fare in modo che chi lo desidera possa verificare la validità del modello.

Condizioni per un nuovo modello

Frequentemente accade che il modello venga falsificato da persone di gruppi di ricerca che non sono coinvolti fin dal primo momento nella ricerca del modello. Tuttavia, il nuovo modello proposto da questi nuovi ricercatori deve tener conto anche del vecchio, ovvero deve spiegare il comportamento già osservato dai primi ricercatori più le nuove scoperte. Se il modello modificato tiene conto solo delle nuove osservazioni non può essere valido, ma è valido (come detto prima) solo per le specifiche condizioni al contorno.

Fatta questa lunga premessa, si può dire che quelli che vengono ritenuti come fenomeni paranormali sono, in realtà, fenomeni anomali che non possono essere spiegati per diversi ordini di motivi. Il primo potrebbe essere la non riproducibilità del fenomeno. Se il fenomeno non è riproducibile, allora vuol dire che non si controllano tutte le condizioni al contorno perché il fenomeno accade una tantum e la sua rarità non consente di capire cosa bisogna controllare. Il punto di vista scientifico è, quindi, di lasciare il giudizio in sospeso fino a che non si sarà in grado di controllare tutte le condizioni al contorno.

I fulmini

Un esempio di quanto detto è quello dei fulmini di cui non si conosceva la natura fino a che non si è capita la chimica dell’atmosfera. Fino ad allora i fulmini erano considerati rivelazioni del divino. Un altro esempio sono i tornadi che ancora oggi sono difficili da modellizzare benché se ne sia capito molto. Ancora un esempio è legato alla teoria del flogisto che ha avuto un grande seguito fino a quando Lavoisier non ha capito che i processi di combustione sono dovuti a processi di ossidazione e non a perdita di un qualche cosa di non meglio definito. E potrei continuare. Tuttavia, la base comune di tutti questi fenomeni era la loro osservabilità, misurabilità e riproducibilità.

Il secondo motivo della anomalità dei fenomeni potrebbe essere semplicemente la loro non osservabilità. Ovvero il fenomeno semplicemente non è misurabile. Se un fenomeno non è misurabile vuol dire che non esiste, ma che è un’illusione della singola persona o della moltitudine. Qui l’esempio più classico è quello della pareidolia, della telecinesi e così via di seguito.

A questo punto si potrebbe obiettare, come ha fatto l’utente che ha iniziato questo confronto dialettico, che:

Io non posso dire che Diaspar non esiste in quanto la scienza non lo ha mai dimostrato

In realtà questo esempio è fuori luogo, scientificamente parlando, perché parte da un presupposto sbagliato. Infatti, questo commento implica la volontà da parte dello scienziato di non voler scientemente dimostrare l’esistenza di Diaspar, termine usato dall’utente per indicare un generico fenomeno paranormale. Scopo della scienza non è quello di dimostrare l’esistenza o meno di qualcosa. Lo scopo della scienza è quello di spiegare come avvengono i fenomeni osservabili. Se io non sono in grado di osservare Diaspar, semplicemente per me non solo non esiste, ma non ha alcun senso spiegarne il comportamento.

Cosa si conclude da tutto questo? Che i fenomeni paranormali non sono altro che il frutto della fantasia soggettiva. Non hanno alcun riscontro reale e rientrano nell’ambito delle favole.

4 risposte a “Scienza e paranormale. Considerazioni serali di uno studioso annoiato.”

  1. Obiezioni filosofico-amene:
    1) La teoria delle stringhe (quella a 11 dimensioni)
    Non è sperimentabile. Ma la matematica che la sorregge (cosi’ dicono) è ineccepibile.
    È paranormale?
    Con la teoria delle stringhe si può riuscire ad arrivare alla teoria del tutto, unificando tutte le precedenti teorie, ma per la scienza non esisterà mai (in base alla definizione che ne è stata data nella parte conclusiva).
    Non possiamo sperimentarla, quindi: picche… favole.
    2) Godel
    Godel ci dice (semplifico) che qualunque sistema di riferimento si prenda (es. postulati di euclide), esisteranno sempre all interno di quel sistema delle proposizioni dimostrabili (di cui noi alcune le conosciamo e alcune no, generando l illusione di Hilbert di arrivare a conoscere tutto prima o poi), e proposizioni indimostrabili (bella mazzata per Hilbert).
    Anche cambiando i postulati di base per riuscire a dimostrare quello che non riuscivo a dimostrare coi vecchi postulati, ci sarà sempre qualche preposizione indimostrabile.
    La coperta e’ sempre troppo corta
    ****
    In base a 1 e 2:
    La conclusione del pezzo, limitando l esistente al dimostrabile, va in errore.
    Esiste roba indimostrabile e questo è certo e scientifico.
    Dire ” non esiste perché non posso dimostrarlo” è un dogma.
    Dire che qualcosa di questo campo dell’indimostrabile (es. diaspar) esiste è altrettanto un dogma.
    Studiare queste percezioni o suggestioni mentali pero’ non è tempo perso.
    Potrebbero far parte di quella fetta di eventi dimostrabili che ancora non abbiamo dimostrato.
    *****
    Provocazione finale ironica:
    La scienza ci dice, e dovrebbero dirlo in giro anche gli scienziati, che i fenomeni paranormali, non spiegabili, non riproducibili, esistono!
    Non sono favole.
    Giudizio sospeso sui singoli diaspar.
    Ma di sicuro qualche diaspar esiste…

    1. Rispondo punto per punto:

      1) La teoria delle stringhe (quella a 11 dimensioni)
      Non è sperimentabile. Ma la matematica che la sorregge (cosi’ dicono) è ineccepibile.
      È paranormale?
      Con la teoria delle stringhe si può riuscire ad arrivare alla teoria del tutto, unificando tutte le precedenti teorie, ma per la scienza non esisterà mai (in base alla definizione che ne è stata data nella parte conclusiva).
      Non possiamo sperimentarla, quindi: picche… favole.

      Risposta: il paragone tra il paranormale e la teoria delle stringhe è completamente fuori luogo. Il paranormale si regge su impressioni soggettive, non riproducibili e non osservabili se non soggettivamente. La teoria delle stringhe poggia su un impianto matematico che ha consentito lo sviluppo di alcune branche della scienza. Vero è che le stringhe non le osserviamo esattamente come non osserviamo i fantasmi ed i fenomeni paranormali, ma affermare che se è vera la teoria delle stringhe, è vero anche il paranormale, è un volo pindarico notevole. L’impianto matematico della teoria delle stringhe si basa sulla logica che ha consentito lo sviluppo sia della fisica classica che della quantomeccanica. Quale sarebbe, invece, l’impianto matematico su cui si dovrebbe fondare il paranormale? Se tra gli scopi dichiarati della teoria delle stringhe è quello di voler individuare una teoria del tutto (ovvero una teoria che tenga conto sia della meccanica quantistica, MQ, che della relatività generale, RG), solo una corretta formulazione matematica, cioè l’elaborazione del modello, può consentire poi di impiantare i corretti esperimenti con cui verificare se le previsioni del modello sono verificate oppure no. Fino ad allora cosa dovremmo osservare? Dal momento che non esiste ancora un modello valido che unisce MQ e RG quali sono le previsioni che dovremmo falsificare? L’idea che non osserviamo le stringhe è quella di un sognatore che non ha ancora ben compreso che quella che stiamo indicando come teoria è, invece, solo un’ipotesi.

      2) Godel
      Godel ci dice (semplifico) che qualunque sistema di riferimento si prenda (es. postulati di euclide), esisteranno sempre all interno di quel sistema delle proposizioni dimostrabili (di cui noi alcune le conosciamo e alcune no, generando l illusione di Hilbert di arrivare a conoscere tutto prima o poi), e proposizioni indimostrabili (bella mazzata per Hilbert).
      Anche cambiando i postulati di base per riuscire a dimostrare quello che non riuscivo a dimostrare coi vecchi postulati, ci sarà sempre qualche preposizione indimostrabile.
      La coperta e’ sempre troppo corta

      Risposta: Non ho capito cosa c’entri Goedel in tutto questo.

      In base a 1 e 2:
      La conclusione del pezzo, limitando l esistente al dimostrabile, va in errore.
      Esiste roba indimostrabile e questo è certo e scientifico.
      Dire ” non esiste perché non posso dimostrarlo” è un dogma.
      Dire che qualcosa di questo campo dell’indimostrabile (es. diaspar) esiste è altrettanto un dogma.
      Studiare queste percezioni o suggestioni mentali pero’ non è tempo perso.
      Potrebbero far parte di quella fetta di eventi dimostrabili che ancora non abbiamo dimostrato.

      Risposta: C’è una incomprensione dell’articolo a livello generale. L’esistente NON è dimostrabile, ma osservabile. Io, come scienziato, non devo dimostrare proprio nulla. Il mio compito è osservare e proporre un modello di funzionamento. Se una cosa non è osservabile, non ho cosa spiegare. Il paranormale rientra nella tipologia di fenomeni non osservabili e quindi, per loro natura, non modellizabili

      Provocazione finale ironica:
      La scienza ci dice, e dovrebbero dirlo in giro anche gli scienziati, che i fenomeni paranormali, non spiegabili, non riproducibili, esistono!
      Non sono favole.
      Giudizio sospeso sui singoli diaspar.
      Ma di sicuro qualche diaspar esiste…

      Risposta: Fenomeni paranormali, non spiegabili, non riproducibili esistono? E quali sono? Certo che fenomeni non riproducibili esistono. Vogliamo parlare dei fulmini o dei terremoti? Non mi pare che essi siano catalogabili tra i fenomeni paranormali, ovvero non osservabili

  2. Ciao Rino.
    Visto che ogni tanto mi piace fare l’avvocato del diavolo, ritengo che la chiusa del tuo post (i fenomeni paranormali non sono altro che il frutto della fantasia soggettiva) sia forse leggermente troppo rigida.
    Dopo tutto, quelli che vengono chiamati ‘paranormali’ possono essere, come giustamente scrivi, fenomeni non sufficientemente compresi o fraintesi, e non possiamo escludere a priori che esistano fenomeni reali e rarissimi non ancora visti con occhio scientifico.

    Comunque… si, nel 99.9999999% dei casi i fenomeni paranormali non sono altro che il frutto della fantasia soggettiva… 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *